fbpx
Curare il Giardino

Coltivare funghi: una guida utile

Coltivare funghi anche se può sembrare difficile è un’attività utile nonché un’ottima idea. I funghi sono un superfood, sono ricchi di vitamine e, a differenza della maggior parte delle verdure che si coltivano in ​​giardino o nell’orto, non hanno bisogno della luce solare per crescere perché non foto-sintetizzano.

Ma da dove si comincia? E quali sono le varietà che è possibile coltivare a casa e in tutta sicurezza? In questo articolo vi spieghiamo tutto quello che c’è da sapere per coltivare funghi in modo ottimale.

coltivare funghi

Come iniziare a coltivare funghi

Se siete alle prime armi, il modo migliore e più semplice iniziare a coltivare i propri funghi è acquistare un kit. I kit per la coltivazione dei funghi possono essere acquistati in base al tipo di funghi che si desidera coltivare e contengono tutto il necessario per coltivare con successo.

Per esempio, per far crescere i funghi champignon c’è bisogno di compost specifico, mentre  i funghi shiitake crescono su legno e vengono forniti in un blocco (o ceppo) appositamente creato che contiene tutti i nutrienti necessari per un raccolto di successo.

Le istruzioni complete sono generalmente incluse nei kit e sbagliare è praticamente impossibile. La maggior parte di questi funghi verrà coltivata in un luogo buio e fruttificherà abbastanza rapidamente. 

Coltivare funghi: le spore

Se invece volete procedere in modalità avanzate, potete procurarvi delle spore di funghi. Le spore sono di dimensioni microscopiche ma contengono il progetto per la crescita di nuovi funghi. Si dice che un fungo maturo contenga fino a 16 miliardi di spore e quindi le opportunità di propagazione sono tantissime.

Farlo è relativamente facile, ma richiede molto tempo raccogliere le proprie spore poiché tutto ciò di cui avrete bisogno è un fungo (ma assicuratevi ovviamente che sia una nota varietà commestibile), della carta e del vetro.

Rimuovete con attenzione il gambo dal fungo e rimuovere delicatamente l’eventuale lembo che può essere presente proteggendo le lamelle nella testa del fungo.

Per prendere l’impronta sporale basta la parte superiore del fungo con le lamelle esposte nella parte inferiore. Posizionate il fungo con le lamelle a faccia in giù sulla carta e sistemate un bicchiere sopra. Lasciate così per 24 ore.

Passato il tempo, rimuovete il bicchiere e sollevate delicatamente il fungo. Le spore saranno cadute dal cappello e dovrestievedere un’impronta sulla carta, che riproduce il disegno delle branchie del fungo. Questa è l’impronta sporale che può essere utilizzata per coltivare i propri funghi.

Conservate la stampa in un sacchetto sigillato in un luogo fresco, asciutto e buio finché non siete pronti per la coltivazione.

Coltivare funghi e coltivare le spore

Una volta che avete ottenuto un’impronta sporale potete usarla per coltivare e far crescere i funghi. Questo può essere fatto creando una siringa di spore, in cui le spore vengono reidratate utilizzando acqua sterile e quindi utilizzate per inoculare il terreno di coltura.

Per creare una siringa di spore è necessario lavorare in un ambiente sterilizzato e con acqua distillata fatta bollire 2 o 3 volte per garantire l’eliminazione di eventuali batteri. Assicuratevi che l’ago della siringa sia sterile passandolo in una fiamma per alcuni secondi.

Usando l’ago della siringa, raschiate leggermente le spore dall’impronta sporale in un bicchiere sterilizzato e immergetela nell’acqua. A questo punto, dovreste notare che l’acqua è diventata leggermente scolorita e potreste anche essere in grado di vedere alcuni grappoli galleggianti di spore. Questa acqua di spore può quindi essere utilizzata per inoculare il terreno di coltura.

Spore germinative

Poiché le spore non contengono clorofilla, si nutrono di sostanze diverse dalla luce per ottenere il nutrimento di cui hanno bisogno per germogliare. I materiali adatti vanno dalla segatura e paglia ai tappi di legno e grano. La varietà di funghi determina il materiale più adatto poiché diversi tipi di funghi crescono in materiali diversi (il substrato) dalla paglia ai trucioli di legno.

La fusione delle spore e dei nutrienti forniti dalla sostanza adatta è nota come progenie. Il micelio è il fungo da cui emergono i funghi durante la fruttificazione. Quando ci sono ingenti quantità di substrato la fruttificazione tende ad essere più vigorosa ei funghi sono più abbondanti.

Tipologie di funghi da coltivare

Esistono oltre 14.000 diversi tipi di funghi, molti velenosi e molti deliziosamente commestibili. Alcune delle varietà più popolari possono essere coltivate in casa seguendo alcune semplici istruzioni.

I funghi amanti del legno includono i Pleurotus ostreatus e i Shiitake per citare le varietà più popolari. Gli amanti del compost includono anche le varietà Button e Portobello.

Coltivare i Pleurotus ostreatus (funghi ostrica)

funghi ostrica

I funghi ostrica sono tra le varietà più colorate di funghi e in natura si trovano ad aiutare con la decomposizione degli alberi morti.

Potete coltivare funghi di ostrica a casa e se investite in un kit, molto probabilmente includerà un sacchetto di paglia perforato che è stato inoculato con uova di funghi di ostrica e ha già un certo grado di sviluppo del micelio. Il kit deve essere mantenuto umido o in un ambiente umido e di solito fruttifica due volte. Dopo il secondo raccolto, l’eventuale micelio rimanente potrebbe essere utilizzato per inoculare un terreno di coltura aggiuntivo.

I funghi ostrica preferiscono essere coltivati ​​​​su tronchi o su alberi morti, e potete ricreare questo ambiente utilizzando un tronco di legno duro e un tassello. È possibile utilizzare la maggior parte dei legni duri, anche se il melo, il sicomoro e il frassino non sono consigliati.

Assicuratevi che il tronco sia stato tagliato da un albero sano e non più di 6 settimane prima. Mantenete umido e regolare la temperatura e in 6-12 mesi il micelio dovrebbe aver preso piede sul tronco ed essere pronto a fruttificare. Se il micelio è cresciuto nel tronco, continuerà a fruttificare finché tutti i nutrienti disponibili non saranno stati utilizzati nel tronco in decomposizione.

Funghi shiitake  ( Lentinula edodes )

funghiI funghi Shiitake in crescita possono essere coltivati allo stesso modo dei funghi Oyster e come parte di un kit, vi verranno forniti tasselli di legno che sono stati impregnati con il micelio shiitake. Questi tasselli di legno vengono quindi inseriti in un tronco di legno duro che è stato preparato praticando fori a intervalli regolari lungo la lunghezza del tronco. Una volta che i tasselli sono stati inseriti, vengono sigillati con cera che assicura che il tassello non si asciughi.

I funghi shiitake possono anche essere coltivati ​​su blocchi di segatura sterilizzata. È probabile che la fruttificazione avvenga più rapidamente utilizzando questo substrato di coltura piuttosto che un tronco di legno duro, ma la qualità del fungo non sarà altrettanto buona.

Coltivare Agaricus bisporus 

champignon

Coltivare funghi champignon è il metodo più semplice di tutti e l’Agaricus bisporus include anche i famosi funghi Portobello (o cappello marrone). I kit per queste varietà includeranno un vassoio e un coperchio e un substrato o compost. Se non acquistate un kit, seguite le istruzioni sopra per creare la vostra impronta sporale e la siringa di spore con cui potrete inoculare il compost.

Per ottenere i migliori risultati, create il compost da una miscela di letame e paglia bagnata. Mescolate i due elementi insieme e comprimere bene per consentire alla temperatura nel letame di aumentare. Girate questa miscela ogni paio di giorni per 2 o 3 settimane per consentire al letame di marcire e concentrare i nutrienti necessari per la crescita dei funghi. Quando la miscela è marrone scuro e profumata, allora avrete ottenuti un ottimo compost.

Mettete abbastanza compost in un vassoio per coprire fino a una profondità di circa 7 cm, quindi spruzzate sopra la siringa di spore per inoculare. Mescolate ancora e coprite con un giornale umido. In 2-3 settimane il micelio dovrebbe mostrare segni di crescita. Una volta che il vassoio si sarà ricoperto dei minuscoli fili bianchi del micelio, allora bagnate e ricoprite con uno strato di coopertura che può essere costituito da compost privo di torba.

Mantenete l’involucro umido e la temperatura dell’aria calda e la fruttificazione dovrebbe iniziare in 3-4 settimane.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio