fbpx
Piante e Fiori

Coltivare il fiore dello zafferano

A produrre una delle spezie più esotiche e ricercata al mondo è il fiore dello zafferano. Coltivarlo è piuttosto semplice e questa piccola e robusta fioritura è una delizia per gli occhi e merita spazio in giardino. In un orto rialzato o in vaso, questa pianta può adattarsi ovunque! 

Il croco allo zafferano, famoso in tutto il mondo, produce di gran lunga la spezia più costosa al mondo. È noto non solo per il suo vivace colore rosso, ma anche per la sua scarsità. Con 220.000 fiori necessari per produrre un solo chilo di spezia essiccata, questa spezia ha bisogno di diversi campi in produzione per produrre un raccolto degno di questo nome.

Il Crocus sativus è stato tradizionalmente utilizzato nella cucina mediorientale, indiana, greca e spagnola, ma da allora è stato incorporato nei cibi di tutto il mondo. Si ritiene che la pianta abbia avuto origine nell’era minoica di Creta e prosperi in altre regioni temperate simili del mondo. 

Il fiore dello zafferano è un fiore corto e tozzo che produce una fioritura viola a forma di coppa in bellissime tonalità gioiello. Le foglie o il fogliame sono più simili a punte verdi che sembrano aghi di pino. Ci sono tre stigmi al centro della pianta e questa è la parte della pianta che è conosciuta come ‘zafferano’. È un filo a tre punte dai colori vivaci rosso-arancio che emerge dalla base. Da ogni bulbo viene prodotto un solo fiore, tuttavia ogni bulbo si riproduce mentre entra nella sua stagione di dormienza durante l’estate. 

Il ciclo di vita del fiore dello zafferano può generalmente essere suddiviso in 5 fasi. I bulbi di zafferano croco germogliano 6-8 settimane dopo la semina nel tardo autunno all’inizio dell’inverno. Fiorisce e sviluppa foglie e poi inizia a sviluppare cormi figli mentre si dirige verso la dormienza. 

fiore zafferano
Nome/i comune/i Croco allo zafferano
Nome scientifico Croco sativo
Giorni per raccogliere 6-8 settimane
Leggero Pieno sole
Acqua: Acqua moderata durante la produzione; niente acqua durante la dormienza
Suolo Terreno da sabbioso a argilloso ben drenato
Fertilizzante Compost o farina di ossa
Parassiti Acari del bulbo dello zafferano
Malattie Marciume del cormo

 

Coltivare fiori di zafferano

L’ideale per avviare i bulbi a fine estate o all’inizio dell’autunno. Piantate i cormi di zafferano a circa 10 cm di profondità e 10 pollici di distanza e Assicuratevi di piantare il bulbo a punta verso il basso nel foro di piantagione. 

È abbastanza facile coltivare bulbi di zafferano! Una grande aggiunta al giardino delle erbe aromatiche, questa brillante spezia è ottima per i principianti e tornerà anno dopo anno. Ci sono solo alcune regole da seguire per assicurarsi che questi fiori abbiano le giuste condizioni di crescita. 

Sole e temperatura

Il croco allo zafferano prospera nelle regioni temperate e ha bisogno di un’intera giornata di sole (almeno 8 ore) e di un tepore costante a fine autunno. È dopo che gli stigmi sono stati raccolti che bisogna fare attenzione alla temperatura. Se gli inverni diventano troppo freddi perché i cormi possano svernare nel terreno dovrete sollevare i bulbi e conservarli durante l’inverno per proteggerli dal freddo estremo. 

Acqua e umidità

Fate attenzione a non esagerare; nei giorni che precedono la raccolta, i crochi allo zafferano necessitano solo di una quantità moderata di acqua. Dopo che lo zafferano è stato raccolto, smettete di annaffiare del tutto. Questo incoraggerà il croco a completare il suo ciclo di vita e ad andare in letargo. 

Suolo

Lo zafferano è una pianta abbastanza resistente e tollera terreni sabbiosi o argillosi. Può anche essere coltivato in terreni poveri se il terreno è parzialmente modificato con compost. L’unico requisito necessario è che il terreno sia ben drenante. Il terreno che trattiene troppa acqua inviterà il marciume, uno dei pochissimi problemi a intaccare la meravigliosa spezia dello zafferano. 

Concimazione

Questo fiore che sboccia in autunno richiede una manutenzione piuttosto bassa. I fiori di zafferano non richiedono molto in termini di concimazione. Tuttavia, se si modifica il terreno povero o si concimano i cormi interrati svernati, aggiungere un po’ compost sul terreno in cui sono stati piantati i cormi di croco. Dato il rapido tempo di fioritura della pianta e il piccolo raccolto, è veramente necessario poco per produrre questi bulbi. 

Potatura

L’unica volta che lo zafferano viene potato, è quando viene raccolto. Usando delle forbici affilate o le mani, separate delicatamente il fiore dallo stelo e separate i petali dallo stigma. Assicuratevi di lasciare il fogliame per consentire ai bulbi di sviluppare lentamente i bulbi figli mentre la pianta si dirige verso la dormienza. 

Propagazione

Il fiore dello zafferano viene propagato esclusivamente consentendo a ciascun bulbo di completare il suo intero ciclo di vita. Dopo che i fiori di zafferano sono stati raccolti, le foglie devono essere lasciate morire. È durante questo periodo che si sviluppano i bulbi “figli”. Se lo desiderate, potete scavare questi nuovi cormi e selezionare i più sani da conservare per la crescita dell’anno successivo, oppure coprirli con pacciame e lasciarli fino all’autunno successivo se il clima è favorevole.Scelta dei bulbi.

La differenza tra bulbi biologici e convenzionali è che i bulbi biologici vengono coltivati senza l’uso di prodotti fitosanitari chimici e fertilizzanti. I bulbi convenzionali vengono coltivati ​​in modo sostenibile, con un uso minimo di prodotti chimici per la protezione delle colture e fertilizzanti.

La principale differenza tra le diverse dimensioni dei bulbi è che i bulbi più grandi danno una migliore e maggiore fioritura nel primo anno di impianto. I bulbi di calibro 7/8 sono i più economici e non fioriranno o quasi non fioriranno nel primo anno di impianto. Bulbi di queste dimensioni sono molto adatti per allestire una coltura pluriennale in modo economico. I bulbi di zafferano di taglia 8/9 hanno un tasso di fioritura nel primo anno compreso tra il 40 e l’80 percento (da 40 a 80 fiori per 100 bulbi).

Per garantire un raccolto ragionevole di zafferano nel primo anno, è consigliabile utilizzare bulbi di Crocus sativus di calibro 9/10 o superiore. Il calibro 9/10 dà da 1 a 2 fiori per bulbo nel primo anno, i bulbi di calibro 10/11 da circa 2 a 3 fiori per bulbo e il calibro 11/+, 3 o più fiori per bulbo. In normali condizioni di crescita, la percentuale di fioritura dei bulbi aumenterà negli anni successivi a causa della loro moltiplicazione e crescita.

Raccolta e conservazione dei pistilli di zafferano

pistilli zafferano

La spezia allo zafferano è una spezia piuttosto laboriosa da raccogliere e conservare. Ecco perché lo zafferano costa così tanto nonostante sia una pianta piuttosto facile da coltivare. Gli stigmi rosso vivo di questa meravigliosa pianta sono uno spettacolo bellissimo e accattivante e segnalano facilmente quando sono pronti per essere raccolti. 

La finestra temporale per la raccolta del fiore di zafferano è piuttosto breve. Lo zafferano si raccoglie meglio al mattino in una giornata asciutta, quando il sole non ha ancora cominciato a picchiare sul fiore. Aspettate che il fiore sia parzialmente aperto per raccoglierlo. Tagliate la parte inferiore del fiore senza togliere le foglie. Consigliamo di aprire prima il fiore, lasciando cadere tutte le parti su un tavolo o un tovagliolo, e prelevare delicatamente lo stigma a mano o con una pinzetta.

I fili di zafferano sono delicati, non possono prendere troppa luce solare prima che la loro qualità inizi a degradare. Dopo la raccolta, conservateli immediatamente al chiuso in un’area ombreggiata. Possono essere utilizzati immediatamente dopo la raccolta (entro un periodo di 24 ore) oppure possono essere disidratati per una conservazione a lungo termine.

In caso di asciugatura sono disponibili due metodi. Per un piccolo raccolto, provate ad asciugare su un tovagliolo di carta su un tavolo o uno scaffale ombreggiato. Dovrebbero essere asciutti entro 3 giorni. Se si utilizza un disidratatore, distribuite uniformemente i fili su un foglio per 3 ore a 45 gradi. 

Dopo l’essiccazione, gli stigmi devono essere sigillati in un contenitore ermetico in un luogo asciutto. Provate ad avvolgerli in un foglio o in un altro materiale che blocca la luce per conservarli a lungo termine poiché la luce solare degrada la qualità di questa spezia. E non sorprendetevi quando lo zafferano perderà gran parte del suo peso! Il processo di disidratazione toglie il 90% del peso dallo stigma! 

Fiore zafferano: risoluzione dei problemi

Fortunatamente questi bulbi hanno relativamente pochi problemi di crescita, tra cui i marciumi o gli acari, che comunque colpiscono raramente. 

Problemi in crescita

Coltivare il fiore dello zafferano è abbastanza facile! Questa pianta è benedetta con pochissimi problemi di crescita. Tuttavia, fate attenzione a non piantare troppo presto poiché avrà bisogno di temperature fresche per fiorire. Se fa troppo caldo, il cormo può produrre solo foglie e nessuno dei fiori.

Parassiti

L’ acaro del bulbo dello zafferano è un piccolo insetto dall’aspetto di un coleottero lungo 0,8 mm che fa crescere la pianta in modo stentato. I fiori si accorceranno anche con foglie più sottili. È meglio prevenirlo poiché le piante a vita breve non possono essere veramente curate una volta che il problema si manifesta, ma potete considerare di spruzzare i cormi con un acaricida prima di piantare. 

Malattie

Pur essendo fortunato a non soffrire di troppe malattie, il marciume è una vera preoccupazione per i coltivatori con un terreno che trattiene troppa acqua. Le malattie fungine che possono colpire il fiore dello zafferano sono  Rhizopus, Aspergillus, Penicillium e Fusarium. Si manifestano tutte facendo marcire il bulbo e il fogliame della pianta e dandole un aspetto giallo o marrone. Questi marciumi, simili al marciume radicale, possono essere evitati piantando in terreno ben drenante e riducendo le annaffiature. 

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio