fbpx
Coltivare l'OrtoFai da te

Come coltivare il finocchio

Coltivare il finocchio non è difficile, e dà molte soddisfazioni. Il finocchio (Foeniculum vulgare) può essere classificato sia come erba aromatica che come verdura, e può essere utilizzato in molti modi in cucina. È anche una pianta popolare tra gli erboristi ed è stata usata per migliaia di anni come rimedio naturale, più comunemente per problemi digestivi.

Il finocchio ha un meraviglioso sapore di anice che funziona bene sia nelle ricette salate che per la preparazione dei dolci. I bulbi vengono comunemente arrostiti o grigliati o aggiunti, crudi, alle insalate, mentre le fronde piumose possono essere aggiunte a insalate e zuppe per conferire un sapore più delicato.

Nome botanico Foeniculum  vulgare
Nome comune Finocchio, finocchio comune, finocchio dolce
Tipo di pianta Pianta erbacea perenne, solitamente coltivata come annuale
Dimensione 180 cm di altezza; 90 cm di larghezza
Esposizione solare pieno sole
Tipo di terreno Terreno ricco, umido e ben drenato
pH del terreno 5,5-6,8 (acido)
Facilità di coltivazione Media
Area nativa mediterraneo
Tossicità Non tossico

Finocchio, pianta selvatica e orticola

Per quanto riguarda il suo utilizzo occorre distinguere tra il finocchio selvatico e quello di produzione orticola, ovvero quello dolce e quindi utilizzato in cucina; la prima è una pianta spontanea e perenne, che cresce sino a 2 metri di altezza e di cui si utilizzano germogli, foglie, fiori e frutti per vari scopi. Il finocchio coltivato, invece, è una pianta che può essere annuale o biennale, che raggiunge gli 80 cm circa di altezza e di cui si consuma la cosiddetta guaina a grumolo bianco, ovvero la parte che si sviluppa alla base.

Ci sono due tipi di finocchio che potreste voler coltivare;:

Il finocchio fiorentinoFoeniculum vulgare var. azoricum) è la tipologia da coltivare se si vogliono raccogliere i fusti bulbosi da utilizzare come ortaggio. Anche le foglie e i semi di questa varietà sono commestibili. Esistono diverse cultivar di questa varietà:

  • ‘Solaris’ produce bulbi grandi e larghi
  • Lo ‘Zefa fino’ è pronto per la raccolta in 80 giorni ed è molto grande.
  • ‘Orion’ è pronto per essere raccolto in 80 giorni e ha bulbi grandi, spessi e arrotondati con una consistenza croccante.

Il finocchio erbaceo ( Foeniculum vulgare ) è la tipologia da piantare se utilizzerete la pianta rigorosamente come erba aromatica. Ci sono due varietà comuni:

  • Verde ( Foeniculum vulgare ‘Dulce’)
  • Rosso ( Foeniculum vulgare ‘Rubrum’)

Del finocchio si consuma sia la guaina, come un vegetale, che i semi, i quali vengono usati come aromi per la preparazione di diversi piatti

Del finocchio si consuma sia la guaina, come un vegetale, che i semi, i quali vengono usati come aromi per la preparazione di diversi piatti; siamo quindi di fronte ad un impianto a doppia funzione: quella di ortaggio e quella di erba aromatica. La caratteristica principale del finocchio è il tipico sapore di anice, che si trova sia nella guaina che nei semi; ma questa pianta possiede anche diverse proprietà benefiche, ad esempio viene utilizzata per migliorare la digestione e contro il vomito. Inoltre, durante allattamento, si utilizzano spesso tisane ricavate dai semi di finocchio per limitare le coliche d’aria nei bambini, risulta infatti che questa pianta sia molto efficace nel ridurre i gonfiori addominali.

Le foglie di finocchio, molto sottili e abbondanti, possono essere usate come condimento

Le foglie di finocchio, molto sottili e abbondanti, possono essere usate come condimento se tritate finemente quando sono ancora tenere; meglio non farlo in estate perché tendono ad indurirsi per evitare l’evaporazione dell’acqua nell’impianto.

Finocchio, coltivazione

Pur essendo un ortaggio semplice da coltivare, poiché poco esigente, predilige un clima mite; nelle zone mediterranee, infatti, può essere coltivato a partire dalla fine del mese di gennaio, questa caratteristica lo rende disponibile al consumo per quasi tutto l’anno. Nelle altre zone si semina solitamente in piena estate.

Il terreno

coltivare il finocchio

Per quanto riguarda il terreno è bene preparare un composto molto nutriente, aggiungendo una parte di letame o di compost naturale; è consigliabile vangare il terreno ad una profondità di circa 40 cm.

Come piantare il finocchio

Sebbene sia una pianta perenne, il finocchio deve essere coltivato come annuale se le temperature invernali sono particolarmente rigide. Anche nei climi più caldi, si preferisce coltivarlo come annuale. Di facile coltivazione, il finocchio va piantato in pieno sole, in terreno fertile e ben drenato.

Piantata dopo che tutto il pericolo di gelo è passato, con le piante distanti tra loro 30 cm. Il finocchio non dovrebbe essere piantato nella stessa area dove coltivate l’aneto o il coriandolo perché le piante possono impollinarsi facilmente e la produzione di semi sarà ridotta. Il finocchio si semina facilmente, quindi è probabile che se lo piantiate una volta, vedrete spuntare finocchi anche la primavera successiva

semi di finocchio

Cura del finocchio in coltivazione

Esposizione

Questa pianta preferisce la piena luce solare. Le condizioni ombrose lo renderanno leggermente… “floscio”. È necessario un minimo di sei ore di sole al giorno per garantire una buona crescita.

Suolo

Piantate il finocchio in un terreno umido, fertile e ben drenato. La pianta predilige terreni acidi (pH da 5,5 a 6,8).

Acqua

Annaffiate in profondità e regolarmente, ma non esagerate o le piante marciranno. Un po’ d’acqua a settimana, combinando pioggia e irrigazione, è l’ideale.

Temperatura e umidità

Il finocchio si comporta bene in tutte le condizioni climatiche, ma può essere sensibile al freddo e dovrà crescere come annuale in zone con inverni rigidi.

Fertilizzante

Il finocchio non richiede alimentazione durante la stagione di crescita, ma le piante apprezzano uno strato di compost intorno alla base ogni due mesi.

Coltivare il finocchio, l’irrigazione

La pianta del finocchio richiede frequenti e abbondanti irrigazioni, ma è necessario tenere sotto controllo la presenza di eventuali ristagni idrici, poiché la pianta potrebbe risentirne; l’ideale sarebbe coltivare questo ortaggio in una zona in cui vi sia una lieve pendenza del suolo.

Raccolta del finocchio

Come coltivare il finocchio

Potete raccogliere le foglie di finocchio secondo necessità per un uso fresco e una raccolta frequente, inoltre, manterrà la produzione della pianta stabile. I semi possono essere raccolti a maturazione, a fine estate o all’inizio dell’autunno. Il modo più semplice per raccogliere i semi di finocchio è scuotere le teste dei semi su un lenzuolo o un telo per raccogliere i semi. Lasciate asciugare bene i semi prima di riporli in un luogo fresco e buio.

Il finocchio a bulbo (fiorentino) può essere raccolto non appena la base dello stelo si gonfia. Tirate su le piante secondo necessità e raccogliete quelle rimaste nel terreno alla fine della stagione e prima del primo gelo autunnale.

Come coltivare il finocchio dal seme?

Potete dirigere la semina dei semi di finocchio direttamente nell’orto. I semi dovrebbero essere piantati almeno a 20-30 cm di distanza e germineranno in 8-12 giorni. Potete anche seminare i semi in casa, sotto le luci, circa quattro settimane prima dall’ultima data di gelo, quindi trapiantarli direttamente nel terreno.

Come coltivare il finocchio in vaso

Potete facilmente coltivare il finocchio in vaso e questa può essere una buona idea poiché la pianta ha un modo di auto-seminarsi e naturalizzarsi facilmente. Assicuratevi di piantare in contenitori profondi almeno 20 centimetri.

La propagazione del finocchio

Il finocchio ha un lungo fittone e quindi non si divide molto facilmente. Il metodo migliore è propagare per seme. Le teste dei semi possono essere raccolte, essiccate e piantate in giardino la primavera successiva.

Parassiti e malattie del finocchio

Il finocchio raramente soffre di problemi seri, anche se i bruchi possono mangiare le cime delle piante. A volte anche gli afidi possono essere un problema, che può essere trattato spruzzando il giusto prodotto per rimuoverli. Evitate di usare qualsiasi tipo di pesticidi o oli sulle erbe commestibili.

Il finocchio si adatta bene a una coltivazione di tipo biologico, a patto che sia rispettata una rotazione colturale e una corretta gestione del terreno per prevenire i problemi più comuni.

I parassiti che più comunemente attaccano le piante di finocchio sono le lumache, che possono essere allontanate creando delle barriere manuali, ad esempio utilizzando i gusci delle uova per evitare l’utilizzo di prodotti chimici.

A livello di malattie la pianta può contrarre la batteriosi, ovvero un batterio che si trasmette a causa dei ristagni idrici e che arriva al grumolo facendolo marcire; l’unico modo per evitare questo problema è fare in modo che non si formino ristagni d’acqua.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio