fbpx
Coltivare l'Orto

Come coltivare il broccolo romano

Il broccolo romano è bello da vedere e buono da mangiare, la cultivar è la Brassica oleracea e si tratta di un membro saporito e attraente della famiglia dei cavoli, nonché un’aggiunta perfetta al raccolto del giardino della stagione fredda. Il broccolo romanesco ha un sapore gustoso e delicato ma la sua qualità più attraente sono le sorprendenti teste verde chiaro composte da numerosi fiori a forma di cono, ognuno dei quali cresce in una spirale creando uno schema di grande impatto estetico.

Iniziamo a conoscere più da vicino quali sono le sua caratteristiche più salienti per coltivarlo nel migliore dei modi.

Broccolo romano, tabella delle caratteristiche

Nome comune  Broccolo Romanesco, Cavolfiore Romanesco
 Nome botanico  Brassica oleracea (Gruppo Botrytis) var. Veronica
 Famiglia  Brassicacee
 Tipo di impianto  Annuale
Esposizione al sole  Pieno sole
 Tipo di terreno  Terriccio
Zona nativa  Roma, Italia

broccolo romano

Come piantare il broccolo romano

Il broccolo romano è un ortaggio tipicamente coltivato in primavera o in autunno perché non tollera il caldo. Meglio quindi iniziare a seminare in casa da quattro a sei settimane prima dell’ultima gelata prevista e poi trapiantare in giardino all’inizio della primavera. Per i raccolti autunnali, iniziate a seminare all’interno o in giardino a fine estate.

Il sito di impianto dovrebbe ricevere pieno sole e terreno a base di terriccio e ricco di azoto. Usate il compost per l’arricchimento del suolo e il pacciame intorno alle piante per aiutare a proteggere le radici superficiali e trattenere l’umidità. Posizionate le piante o i semi a una distanza di circa 60 cm e in un terreno ben drenato. Se usate i trapianti, scavate una piccola buca e riempite il terreno intorno in modo che la pianta sia allo stesso livello in cui si trovava nel suo vaso. Annaffiate bene e concimate una o due volte durante la stagione di crescita. Il broccolo romanesco non è una pianta resistente al gelo e  ilfrutto dovrebbe essere raccolta prima delle gelate.

Cura delle piante di broccolo romano

Una volta che le  piante si sono stabilite nel giardino, richiedono la stessa cura prestata a qualsiasi varietà di broccoli o cavolfiore:

  • EsposizioneLe piante  richiedono il pieno sole per produrre teste commestibili e dovrebbero ricevere da sei a otto ore di sole al giorno.
  • Suolo. Le piante o i semi dovrebbero essere stabiliti in un terreno fertile e argilloso che drena bene. Il terreno dovrebbe essere ricco di materia organica con un pH compreso tra 6,0 e 7,5; tuttavia, il broccolo romano può tollerare terreni leggermente alcalini. Non piantate nella stessa posizione più di una volta ogni tre o quattro anni per aiutare a ridurre le malattie.
  • Acqua.Le piante hanno bisogno di umidità abbondante e costante per produrre teste commestibili. Il terreno non dovrebbe essere lasciato asciugare completamente prima dell’annaffiatura successiva.
  • Temperatura e umidità. Essendo un raccolto di stagione, il broccolo romano non prospererà con le alte temperature e l’eccessiva umidità dell’estate. La temperatura ideale è tra i 20 e i 25 gradi.
  • Fertilizzante. Avviate sempre le piante in un terreno fertile ad alto contenuto di azoto. Applicate mezza tazza di fertilizzante ad alto contenuto di azoto dopo il trapianto o il diradamento per incoraggiare una vigorosa crescita delle piante. Posizionate il fertilizzante a 15 cm di distanza dalle piante e incanalatelo nel terreno. Applicate un quarto di tazza aggiuntivo di fertilizzante azotato quando la testa del broccolo romanesco ha le dimensioni di circa un quarto.

Tipologie di broccolo romano

  • veronica: la cultivar denominata più ampiamente disponibile raggiunge la maturità in 77 giorni con una buona tolleranza al calore in giardino. Produce teste simmetriche, a spirale, verde lime con cupole appuntite. Mantiene il suo colore vivace anche quando è cotto.
  • natalino: produce rosette color limone brillante che vanno da giallo-verde. Può essere consumato crudo ma perde colore durante la cottura.
  • gitano: questa tipologia produce cespi di colore verde intenso e ricchi di spirali. Presenta una buona resistenza all’oidio e tolleranza al freddo. Matura in 100 a 110 giorni.

Raccolta del broccolo romanesco

Nella maggior parte delle zone di coltivazione, le teste di broccolo romano sono pronte per la raccolta da 75 a 100 giorni dopo il trapianto. Rimuovete l’intera testa dalla pianta con un coltello affilato. Per le varietà che producono diverse teste più piccole, rimuovi i singoli gambi. Utilizzate immediatamente o conservare avvolto nella plastica in frigorifero per circa una settimana.

Una volta tagliata la testa principale, il broccolo romanesco non produce più nuovi germogli laterali. La pianta può essere rimossa dal terreno e compostata.

broccolo romano

Come coltivare il broccolo romano in vaso

Se l’orto non ce l’avete e vi state chiedendo se il broccolo romano è una di quelle piante che potete facilmente coltivare sul balcone, la risposta è sì: il broccolo romano si può coltivare in vaso. Basta solo seguire pochi ma preziosi accorgimenti.

Il broccolo romano può essere coltivato in vaso seguendo le stesse linee guida di luce, suolo, temperatura e acqua consigliate per le piante coltivate in giardino. Ogni pianta dovrebbe essere collocata in un vaso abbastanza ampio per accogliere le grandi dimensioni della pianta. Annaffiate bene e assicuratevi di evitare di piantare durante i mesi con temperature superiori a 25 gradi.

La potatura del broccolo romanesco è sconsigliata perché ridurrà notevolmente la produzione di ortaggi, mentre potete propagare il broccolo romanesco mettendo uno stelo principale in un bicchiere d’acqua per sviluppare le radici. Potete anche conservare i semi per propagare la pianta. Se volete fare un tentativo, ecco i passaggi da seguire:

  1. Lasciate che i broccoli crescano e non raccogliete nulle finché non compaiono piccoli fiori gialli che lasciano il posto ai baccelli.
  2. Una volta che i baccelli diventano marroni e secchi, i semi dovrebbero essere maturi. A quel punto, abbattete l’intera pianta e appendetela in un luogo caldo e asciutto con una buona circolazione d’aria per un paio di settimane in modo che i semi continuino ad asciugarsi.
  3. Una volta che i baccelli si sono completamente asciugati, tagliateli delicatamente dalla pianta. Sbriciolateli su un canovaccio in modo da individuare e separare facilmente i semi.
  4. Conservate i semi in una busta o in un contenitore ermetico etichettato con la data.

Come coltivare il broccolo romanesco dal seme

  • Avviate i semi di broccolo romano in casa circa sei settimane prima dell’ultima gelata primaverile o prima della prima gelata invernale.
  • In vasi o in un vassoio di semina, aggiungete una miscela di piantine sterili e senza terra. Premete i semi e mantenete il calore ambientale intorno ai 20 gradi
  • I semi germineranno in circa due settimane. Una volta che le piantine appaiono, posizionate il vassoio sotto una luce intensa per incoraggiare la crescita.
  • Fertilizzate con una soluzione di avviamento liquida a metà forza dopo la comparsa della prima vera foglia. Quando sono presenti due foglie vere, fertilizzate due volte a settimana.
  • Quando le piante hanno quattro o cinque foglie, riducete l’irrigazione e posizionate le piante all’esterno dove riceveranno protezione dal vento e un paio d’ore di luce solare che servirà per indurirle. Esponetele gradualmente a più luce solare e continuate ad annaffiare.
  • Piantate in giardino dopo che la possibilità di gelo è passata in primavera o quando la temperatura diurna è scesa a circa 18 gradi in autunno.

Invasatura e rinvaso del broccolo romano

Se coltivato in vaso, il broccolo romano, non necessita di rinvaso perché non sverna. Piantate in un vaso grande in modo che la pianta non abbia bisogno di essere disturbata durante la stagione di crescita

Parassiti e malattie delle piante di broccolo romano

Ecco quali sono le principali malattie che possono affliggere il broccolo romano che, purtroppo, come molte altre piante dell’orto ha bisogno di cura e attenzione perché malattie e parassiti possono essere sempre dietro l’angolo.

Plasmodiophora brassicae 
Un fungo che aggredisce le piante a livello delle radici. La pianta ingiallisce e appassisce e il fungo predilige terreni ad alto contenuto idrico, e temperature comprese tra 10 e 30°C. e lo sviluppo della malattia è favorito da terreni acidi e ricchi di potassio.

Phoma sp. 
Tacche scure e allungate a livello del fusto. Sulle foglie compaiono macchie chiare e poi più scure. Le piante colpite ingialliscono e appassiscono e lo sviluppo della malattia è favorito da ambienti umidi.

Peronospora brassicae 
Sulle foglie compaiono macchie inferiore e manifestazioni bianco o grigiastre, ossia le fruttificazioni del fungo. La malattia si sviluppa in condizioni di fresco e di umido.

Plutella sp., Pieris sp., Mamestra sp., e Athalia sp. (larve)
Queste larve si nutrono delle parti verdi delle piante. Facilmente confondibile con le larve di lepidotteri sono quelle dell’imenottero Athalia rosae (tentrenide), responsabili, comunque, di danni molto simili.

Phyllotreta spp. 
Piccoli coleotteri le cui larve creano erosioni nelle foglie, anche se alcune specie possono aggredire anche le radici.

Delia radicum (mosca del cavolo)
Le larve attaccano le giovani piante in più punti, per esempio le radici, il colletto ma anche i piccioli delle foglie inferiori. Creano marciumi e secchezza.

Aphis sp. (afidi)

Purtroppo gli afidi riescono ad attaccare anche il broccolo romano, in colonie più o meno numerose. La pianta si indebolisce, produce melata e sviluppa fumaggini di vario tipo.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio